HomeBlogStatistiche del contenuto generato dagli utenti: l’UGC rispetto ai Contenuti professionali

Statistiche del contenuto generato dagli utenti: l’UGC rispetto ai Contenuti professionali

Statistiche del contenuto generato dagli utenti: Ci si aspetta, intuitivamente, che il Contenuto Generato dagli Utenti (UGC), avendo un’immagine meno curata, generi una risposta diversa su coloro che v’interagiscono. Tuttavia, non si sa ancora bene in che modo questa risposta differisca rispetto ai contenuti professionali (PC).

Noi di Photoslurp ci dedichiamo a capire meglio l’UGC e il suo effetto per i brand che vendono i loro prodotti online. Raccogliamo un’enorme quantità di dati da immagini originariamente pubblicate su Instagram e poi usate dalle marche per vendere prodotti contenuti in quelle immagini.

Inoltre raccogliamo immagini di tipo UGC e PC. Abbiamo deciso, quindi, di analizzare questi dati, per vedere cosa si può imparare dal confronto tra UGC e PC per quanto riguarda la vendita online.

Per creare il nostro dataset abbiamo usato 18 brand, scelte tra quelle con le migliori performance che stanno usando attualmente la piattaforma Photoslurp. Tutti i 18 brand hanno integrato la piattaforma Photoslurp sulla pagina web dei loro prodotti, permettendo ai clienti di vedere immagini di prodotti provenienti da Instagram. 

Per ogni brand abbiamo usato la funzione ‘Top Photos’ di Photoslurp, allo scopo di identificare le 20 immagini con le migliori performance, basandoci sui guadagni stimati generati online dalle immagini. In questo modo abbiamo raccolto il più affidabile set d’immagini disponibile ai fini della nostra analisi, per un totale di 343 immagini.

Una delle principali metriche che misuriamo per tutte le immagini che promuoviamo sui siti dei nostri clienti è la CONVERSIONE, cioè il numero di volte in cui un cliente ha interagito con un’immagine per poi proseguire con l’acquisto del prodotto contenuto nell’immagine.

Si tratta di una statistica utilissima, perché svela l’efficacia di ogni immagine nel convincere i clienti a cliccare ‘COMPRA’ e a effettuare l’acquisto. La CONVERSIONE è quindi un’ottima metrica per confrontare il successo del nostro UGC con i PC.

Statistiche del contenuto generato dagli utenti: i risultatUser Generated Content statistics

Abbiamo effettuato un confronto tra la CONVERSIONE creata dall’UGC e quella creata dai PC. I risultati sono sorprendenti. Abbiamo scoperto che è 5 volte più probabile che l’UGC crei una CONVERSIONE rispetto ai PC. Le immagini UGC ottengono una media di 85.09 conversioni rispetto alle 17.19 delle immagini PC.

Abbiamo scoperto che è 5 volte più probabile che l’UGC crei una CONVERSIONE rispetto ai PC.

E soprattutto, questo risultato è statisticamente rilevante (P = 0.0015, DF = 196, t = -3.229), ciò significa che possiamo essere sicuri al di sopra del 95% che questo risultato è reale.

I numeri non mentono, l’UGC funziona!

Ovviamente, ciò non deve sorprenderci del tutto. Infatti, c’è un crescente numero di prove che suggerisce che l’UGC genera un maggior senso di fiducia nella mente del consumatore, favorendo il superamento di barriere cruciali nel processo di acquisto online. Sono le statistiche del contenuto generato degli utenti, come queste, a permetterci di comprendere pienamente il valore apportato dall’UGC.